Forum
:: Forum :: Consultare i medici specialisti del Diabete di DialogoDiabete.it :: Contatta Medici esperti sul diabete, fai una domanda - Domande e Risposte sul diabete
 
<< Discussione precedente | Discussione successiva >>
Dubbio su auto-misurazione con il pungidito
Moderatori: admin, Dott_Airaghi, Dott_Branchi
Autore Messaggio
Andrea070277
ven set 08 2017, 11:21
Utenti Registrati #503
Registrato il: ven set 08 2017, 11:08
messaggi: 2
Buonasera, sono il papà di una bimba di cinque anni, diagnosticata come prediabetica a rischio di insorgenza di diabete mellito 1. Il protocollo ospedaliero include almeno due auto-misurazioni settimanali dei suoi livelli glicemici, alternando quella a digiuno a quella postprandiale. Purtroppo fare queste misurazioni a mia figlia è un incubo tra pianti, strilli, fughe e quanto altro. Mi è stato consigliato di "utilizzare" in alternativa ai polpastrelli, le dita del piede. In effetti al piede, riesco a farle sopportare la "terribile" puntura e ho notato che i risultati si discostano di pochissimo dalle "poche" misurazioni che sono riuscito a fare alle dita della mano. Però ho anche letto da più parti che altre sedi di puntura, potrebbero dare risultati del tutto sballati... Cosa ne pensate? Posso continuare a misurarle la glicemia in tal modo, oppure devo cercare, in qualche modo, di prelevarle la goccina dai polpastrelli della mano? Grazie mille!

[ Modificato ven set 08 2017, 11:23 ]
Torna ad inizio pagina
Dott_Airaghi
sab set 09 2017, 10:11
admin

Utenti Registrati #2
Registrato il: lun mar 12 2012, 05:11
messaggi: 79
Continuerei come stai già facendo dal momento che devi fare un monitoraggio periodico delle glicemie. Il problema delle sedi alternative è solo per chi dal dato della glicemia deve prendere decisioni sulla terapia insulinica, poichè il sangue capillare dai polpastrelli risponde più rapidamente alle variazioni della glicemia rispetto agli altri siti, che dunque non sono raccomandati quando la glicemia cambia rapidamente. Inoltre, la punta delle dita è una delle aree ‘meglio servite’ dalla circolazione sanguigna. Va però evitato il centro del polpastrello. Un po’ perché fa più male, un po’ perché utilizzando le dita dopo la puntura si rischia di creare un piccolo callo cicatriziale. Meglio ai lati, meglio le dita centrali, meglio non pungere più volte di seguito la stessa area. Sedi differenti dalle dita sono per esempio il lobo dell’orecchio (in genere non è doloroso; è ben irrorato) o l’avambraccio (in questo caso però è meno facile ottenere la quantità di sangue desiderata se non si usano dei puntali dedicati).
Torna ad inizio pagina
Andrea070277
lun set 11 2017, 10:25
Utenti Registrati #503
Registrato il: ven set 08 2017, 11:08
messaggi: 2
Grazie mille per la risposta Dott. Airaghi!
Un carissimo saluto..

Andrea
Torna ad inizio pagina
 

Salta:     Torna ad inizio pagina

RSS discussione: rss 0.92 RSS discussione: rss 2.0 RSS discussione: RDF
Powered by e107 Forum System